AYURVEDA: ARTE DI VIVERE, ARTE DI GUARIRE [SubITA]

Titolo originale: Ayurveda: Art of Being
Paese di produzione:
Anno: 2001
Durata: 102 min.
Genere: Documentario, Spirituale
Regia: Pan Nalin

Un grande regista indiano racconta la scienza del vivere e del guarire. Non troverete qui la rifrittura new age che ormai infesta l’occidente, quelle misture fai-da-te di spiritualità orientale, guru imparaticci, buddhismo per donne in carriera, Ganesh sulla t-shirt e bandierine tibetane. L’Ayurveda è una scienza antica, e non va considerata solo come una medicina ma come una filosofia di saggezza.
Questo è un viaggio appassionato e documentato che incontra i grandi terapeuti dell’ayurveda e li guarda lavorare nei luoghi dove la disciplina è nata ed è cresciuta per millenni, stratificandosi e correggendosi nel passaggio severo da maestro a studente. E’ l’ per viaggiatori, non per turisti, confronto vero con qualcosa che non smette di essere lontano e irriducibile.

L’ayurveda è una medicina millenaria, che ha alla sua base conoscenze filosofiche ed erboristiche molto sofisticate che affondano nei Veda, i testi della cultura religiosa di base dell’induismo.
Il ayurvedico in effetti è un maestro di vita, uno yogi che affronta e ascolta il paziente come individuo nella sua totalitĂ , nella sua esistenza, nei suoi rapporti col mondo e con le persone che ha intorno. Non esiste la malattia. Esiste la persona. Questo tipo di maestri, che si tramandano direttamente, di generazione in generazione, gli insegnamenti, sta scomparendo anche nell’ piĂą marginale, quella dei villaggi. Il viaggio di Pan Nalin è in un certo senso un viaggio nostalgico e  di denuncia che mette in bella mostra quanta conoscenza medica e umana stia svanendo con l’avanzare dell’occidentalizzazione del mondo e dei sistemi medici allopatici che l’accompagnano. Nella maggior parte dei casi, quello che in Occidente abbiamo importato dell’ayurveda non ha nulla a che fare con la capacitĂ  semplice – talvolta quasi primitiva, ma altrettanto efficace in quanto veramente primordiale – che, in India, questi medici della “scienza della vita” hanno di ridare la e la fiducia a pazienti di ogni sorta. Niente guru praticoni e posticci, induismo e mantra magici per manager in carriera, raffigurazioni del dio Ganesh in pseudopalestre patinate o gocce d’olio versate sul capo di splendide ragazze abbronzate e seminude che giacciono lascive su lettini spaziali: immagini che da noi siamo abituati solitamente ad associare a tale terapia. L’ayurveda millenario che qui viene ripreso è quello che i bimbi con malformazioni fisiche che la medicina ufficiale ha abbandonato, i casi di cancro ormai disperati, le patologie croniche degli anziani, il diabete e molte altre malattie degenerative considerate normalmente incurabili.

Quello che balza agli occhi è la vastitĂ  e la profonditĂ  delle conoscenze di questi umili “personaggi”: erbe, minerali, tecniche yoga, tecniche psicologiche, manipolazioni, stimolazione dei punti vitali e delle correnti energetiche, massaggi ecc. Un bagaglio che è stato possibile accumulare solo in secoli di studio e trasmissione fidata da maestro ad allievo. E fa tristezza sentire la testimonianza di alcuni dei pochi maestri ayurvedici rimasti rimpiangere il fatto che non esiste quasi piĂą nessuno che sia in grado di conoscere, ad esempio, l’uso delle pietre per la di determinate malattie o quello dei marma, i punti vitali del corpo, con cui si può addirittura giungere a immobilizzare un uomo, oltre che a farlo muovere se in difficoltĂ  motoria (o anche a fargli perdere conoscenza con semplici pressioni mirate delle dita). Le immagini e i dialoghi scorrono lenti in questo documentario che disvela una fotografia e una colonna sonora decisamente coinvolgenti. Il risultato è che si respira una calma e un’atmosfera di fiduciosa serenitĂ . La , nemmeno la piĂą grave, non è vissuta da nessuno delle controparti (medici e pazienti) come un evento tragico o come un incidente di percorso che distrugge l’esistenza. Tutto fa parte della vita e della natura e in essa è possibile trovare le soluzioni appropriate. Non esistono problemi insormontabili se c’è fede, pratica costante e vita semplice. Potrebbe sembrare tutto falsamente idilliaco, ma dopo la visione di questa testimonianza è abbastanza palese e incontrovertibile che si possa dire che abbiamo perso molto in questa “evoluzione” tecnologica che ha caratterizzato l’uomo occidentale. Quell’uomo che ha rinunciato alla natura per costruirsi il suo regno tra plastica e cemento dove ogni giorno corre sempre piĂą veloce per riuscire a fare ancora piĂą cose. “Vita da bianchi” come dicono con felice sintesi in Burkina Faso.

Guarda anche  ETER [SubITA]

Ma la natura è ancora il regno sconosciuto che ci può nutrire e guarire. La perdita della riflessione quotidiana sul senso dell’esistenza e sui valori per cui vale la pena viverla, che caratterizza l’uomo moderno, impedisce nel concreto il superamento della sofferenza e  reprime l’apprezzamento della propria vita generando un senso di devastazione psicologica che credo sia la che maggiormente assilla gli umani oggi. L’ayurveda non è semplicemente una scienza medica ma un’ di vivere, uno stile di vita che ci permette di sentirci inseriti in un continuum con tutti gli elementi della natura, facendo scomparire la nostra solitudine e ridandoci speranza. E questo è di importanza vitale perchĂ© come dice la citazione che chiude il documentario: «La speranza è il mezzo attraverso cui la natura ci permette di affinchĂ© possiamo scoprire la natura stessa». Ossia il senso dell’esistere e l’infinitĂ  della conoscenza. PerchĂ©, dice sempre l’ayurveda, i maggiori fattori che possono generare la sono connessi con l’intelligenza umana e i suoi errori. Lo stress psichico è oggi una delle maggiori cause di malattie. E ricordiamo che i medici, che sarebbero coloro che dovrebbero ovviare a questa epidemia di stress, sono anche coloro che ne soffrono di piĂą dato che sono il secondo gruppo in Occidente con il tasso di alcolismo e suicidio piĂą alti: un dato spiega abbastanza bene come siamo messi. Altro che maestri di vita.

Recensione: scienzaeconoscenza.it

Spread the love

Related posts

By Anam

I'm A Fucking Dreamer man !

0 Comment

No Comment.

Related Posts