PROFANE [SubITA]

Titolo originale: Profane
Paese di produzione: Iraq, USA
Anno: 2011
Durata: 78 min.
Genere: Thriller, Spirituale, Visionario
Regia: Usama Alshaibi

Una giovane Dominatrice Musulmana nel bel mezzo di una crisi spirituale.

Il regista iracheno di Chicago Usama Alshaibi sembra essere uno dei registi arabi piĂą prolifici della scena cinematografica indipendente americana – ed è quasi certamente il piĂą sperimentale. Lavorando spesso in stretta collaborazione con sua moglie Kristie, Alshaibi ha dato il via al canone di quello che potremmo definire un film arabo-americano trasgressivo. Nei suoi oltre 50 cortometraggi, Alshaibi ha aggiornato le tecniche di trasgressione come William Burroughs e Kenneth Anger per trasmettere le sue ossessioni in materia di scontro culturale, tecnologia, religione, violenza, sessualitĂ  e identitĂ . Ha finito quattro lungometraggi, due dei quali trattano di porno e malattie sessualmente trasmissibili, uno di relazioni interculturali e un altro della realtĂ  personale dell’Iraq post-Saddam. Ora ne ha tre in produzione o post-produzione, due dei quali – American Arab e Baghdad, Iowa – raccontano la crescita araba nel cuore del paese negli anni ’70, ’80 e oggi, e il terzo, Profane, su una dominatrice musulmana in crisi spirituale.

Mentre i media riducono spudoratamente la complessa relazione tra l’America e le sue arabe e musulmane in una stupida controversia su dove costruire un fottuto centro culturale o una moschea, abbiamo bisogno della prospettiva e dell’ del lavoro di Alshaibi ora piĂą che mai. Come la maggior parte dei registi indipendenti che lavorano duramente, Alshaibi può sempre usare un aiuto finanziario per rendere manifesta la sua visione. Clicca per donare per aiutarlo a finire Profane or American Arab.

In Profane una dominatrice di Chicago, parla di quanto le piaccia il suo lavoro mentre usa un frustino per stimolare i genitali di un cliente legato e mascherato. Ma Muna è anche una musulmana in crisi. Sente delle voci, che il tassista Ali le spiega provenire da un jinn, una specie di demone guardiano, che la perseguita.

Divisa tra estasi e sottomissione, Muna intraprende un percorso non ortodosso verso l’illuminazione, che Profane drammatizza con metodi documentaristici e immagini psichedeliche. Nella migliore tradizione underground, Alshaibi – che recentemente è selvaggiamente picchiato in un crimine d’odio anti-arabo – dimostra che la vera riverenza a volte richiede la trasgressione.

Spread the love

Related posts

0 Comment

No Comment.

Related Posts