THE OLD MAN AND THE SEA [SubITA]

Titolo originale: The Old Man and the Sea
Paese di produzione: Russia
Anno: 1999
Durata: 20 min.
Genere: Corto, Animazione, Drammatico,
Regia: Aleksandr Petrov

Ho visto per la prima volta questo incredibile cortometraggio al Festival del Cinema di San Pietroburgo, proiettato in quello che era stato il maestoso vecchio quartier generale comunista. Proiettato su uno schermo gigantesco, il pubblico febbrilmente eccitato non era composto da semplici appassionati di cinema, ma da russi comuni: bambini con gli occhi spalancati, vecchiette ubriache e uomini anziani come il soggetto del film, che erano accorsi per vedere il famoso film russo che aveva vinto l’Oscar a Hollywood.
Il vecchio e il mare” è un adattamento della storia di Ernest Hemingway sulla nobile battaglia di un pescatore contro un gigantesco pescespada, che combina una splendida animazione ad olio su vetro con una sorprendente fluiditĂ  dei movimenti della “macchina da presa”. Aleksandr Petrov e il figlio Dmitri hanno utilizzato il loro stile unico di a dita con colori a olio a lenta essiccazione su piĂą piani di vetro per creare questo incredibile film vincitore dell’Oscar. Questa tecnica fa sì che una ripresa non possa lasciata per tutta la notte in modo che la vernice si asciughi, il che significa che gli artisti lavorano spesso per giorni e notti senza riposare sotto le luci calde della telecamera a rostro. Il film è stato realizzato a Montreal nell’arco di due anni e mezzo ed è stato finanziato da diverse canadesi, russe e giapponesi.
Ciò che stupisce di questo film non è solo che la splendida a olio figurativa contenuta in ogni fotogramma potrebbe appesa a una parete di una galleria, ma che il punto di vista scorre costantemente e senza intoppi dall’alto con i gabbiani, fino a scendere in picchiata nel mare sotto il peschereccio, il tutto realizzato in una perfetta prospettiva in movimento che non potrebbe migliorata dalla computer grafica. La fluiditĂ  dello stile permette al realismo dei dipinti di Petrov di fondersi con la sua visione di quello che è stato descritto come “realismo romantico”, quando la realtĂ  si dissolve nei sogni e nei ricordi del soggetto.
In questi giorni di animazione computerizzata in 3D diamo per scontato questo tipo di fluidità della macchina da presa, e in effetti le picchiate e i giri gratuiti della macchina da presa sono diventati un noioso cliché della regia in computer grafica, ma ciò che va ricordato qui è che ogni fotogramma e il suo senso della prospettiva e dello scorcio non solo è dipinto a mano individualmente su più livelli di vetro, ma è anche dipinto in modo da fluire senza problemi nei fotogrammi successivi. Incredibile.
Petrov ha poi dichiarato di essersi identificato con il vecchio della storia e di essersi ispirato a lui perchĂ© rappresentava la “lotta, la pazienza e la determinazione necessarie a un animatore”. Creare qualcosa di simile, dipingendo 29.000 a olio in due anni, è un eufemismo. Anche senza uno schermo gigante, davanti a centinaia di russi affascinati, è un’esperienza magica, che forse resterĂ  nei miei ricordi quando sarò vecchio. Aspetta, dimenticavo, lo sono giĂ .      (https://www.skwigly.co.uk/)

Spread the love

Related posts

0 Comment

No Comment.

Related Posts